Passava

Passava
il suo tempo
a lanciare

reti di pensieri
impossibili

nelle profondità
della mente.

Riusciva,
ogni tanto,

nel catturare
conclusioni
quasi inafferrabili;

ma continuava
a sbagliare,

ignaro
che il punto di vista
di chi
lo giudicava

fosse sempre diverso.

Le tue grinze sulla pelle

 

   Le sue grinze sulla pelle

 

                 pentagrammi

                       macchiati

                       dal tempo

 

           mi parlano con voce

                                 fatta

 

                       di cartapesta

                            e freddo

 

                   e impasticciano

                           quel vuoto

 

               che la tua assenza

 

                               inattesa,

                         incompresa

 

                         ha creato

 

 

“…se si potesse morire

           quando si vuole,

 

                         che io

 

             sono ben stanca

                     di stare qui…”